Generalità sulle filiere

Geometria interna di una filiera


Prima di tutto, una filiera di trafilatura è usata per stirare un filo metallico nello scopo di portarlo al diametro richiesto. Qualsiasi il suo utilizzo, la geometria interna della filiera sempre si suddivide in 5 parti, assicurando ciascuna un ruolo fondamentale nel processo di trafilatura : Cono di entrata, cono di riduzione, tratto cilindrico, back-relief, cono di uscità.

Queste 5 parti costituiscono la geometria interna della filiera che verrà scelta a seconda delle caratteristiche del materiale da trafilare e delle condizioni di trafilatura (tipo di lubrificazione, velocità, allungamento, ….)

Questa geometria ha anche una influenza grande sulle proprietà del corpo trafilato (filo, barra, tubo, ...) : tempra, duttilità, rettitudine, stato superficiale, …. 

Per finire, la filiera è un utensile il cui studio al microscopio, dopo trafilatura, da un gran numero di indicazioni sulle condizioni di utilizzo e sui miglioramenti da portare (lubrificazione, filtrazione, …)

 
 
 

I fattori fondamentali per una filiera efficiente

Le filiere di trafilatura con inserto diamante devono combinare efficienza, longevità e compettitività. Vari fattori fanno la differenza :

  • Qualità delle materie prime,
  • Qualità del montaggio (efficienza meccanica e termica)
  • Precisione e regolarità delle geometrie,
  • Livello di lucidatura finale

La qualità delle materie prime è fondamentale, il processo e le tecnologie utilizzate sono determinanti ed il know-how umano rimane decisivo !

 


Trafilatura ad alta velocità

Back relief

Fili rivestiti